precedente
successiva
Shadow
Slider

Cominciamo. . . è solo l’Inizio…

  La Tecnologia è importantissima, ci aiuta nel nostro processo evolutivo e grazie alle reti di telecomunicazioni, alla robotica, all’automazione e all’intelligenza artificiale, ci permetterà di svincolarci da quei lavori monotoni, ripetitivi, frustranti.Anzi arriveremo ad un punto in cui non sarà più necessario che tutti lavorino.Arrivati a quel punto, che cosa dovremmo fare? La risposta

Maggiori informazioni


La Guida Interiore

  Vi è stato dato il Libero Arbitrio, ma vi è stata data anche una Guida Interiore che da sempre parla dentro di voi, è Amorevole e vi indica il percorso da seguire e le cose più giuste da fare.In poche parole, vi direziona verso la Luce. Federico D’Ambrosio#laviadelcuore #manualediistruzioniperlessereumano


Scegliere una Direzione

  L’importanza di scegliere una direzione e seguirla… Solo percorrendo la direzione che si è scelto di intraprendere, ci si potrà accorgere del proprio stato d’animo..Dunque…La strada che hai scelto di intraprendere.. come ti fa sentire?Il metro di misura è la felicità e la sofferenza… Federico D’Ambrosio


Accettare gli Eventi della Vita

  Anche se gli eventi non si possono cambiare, quello che possiamo cambiare è il nostro sentire riguardo ad un evento..L’evento si può iniziare ad accettare quando le emozioni ad esso connesse sono state espresse.. Federico D’Ambrosio


Tempo, libertà, scelte..

Come facciamo a sentirci liberi e a essere liberi se non ce la diamo mai la libertà? Se dico, sarò libero quando finirò di lavorare, sarò libero quando mi sarò sposato, sarò libero quando i miei figli saranno cresciuti, sarò libero quando avrò 10 milioni di euro un banca, sarò libero quando il mio capo

Maggiori informazioni


Risorgere dalle ceneri

  Vi auguro di risorgere dalle ceneri di voi stessi.Che il fuoco ardente dentro di voi,possa bruciare le sofferenze,le convinzioni,i condizionamenti,i dolori.Vi auguro di risorgeree di librarvi alti nel cielo,seguendo le correnti del vostro Spirito. Federico D’Ambrosio